Corno del Renon
Come raggiungere l'area Corno del Renon

Raggiungere in modo facile il Corno del Renon

Due passi dal cielo!

L'altopiano soleggiato del Renon è raggiungibile comodamente con i mezzi pubblici. A pochi passi dalla stazione ferroviaria di Bolzano è possibile raggiungere la funivia del Renon, che porta alla stazione a monte di Soprabolzano dalla mattina presto fino a tarda sera. Nei pressi della stazione a monte il "trenino del Renon", una ferrovia a scartamento ridotto, collega Soprabolzano con Collalbo, il capoluogo dell'altipiano. Dal nuovo terminal dei pullman si possono raggiungere i paesini con le linee pubbliche e la propria macchina si può tranquillamente lasciare a casa. Ci vogliono solo 50 minuti per arrivare dal centro storico di Bolzano al parcheggio a "Pemmern", alla stazione a valle della funivia del Corno del Renon, con la quale si supera in pochi minuti 500 metri di dislivello fino alla "Schwarzseespitze" (Cima lago nero) e l'area escursionistica Corno del Renon.

FAQ

Häufig gestellte Fragen

Hier finden Sie einige häufig gestellte Fragen über die Erreichbarkeit des Landschaftsschutzgebietes, zum Öffentlichen Nahverkehr und zum Parkplatzangebot, sowie über den Sammelparkplatz in Pemmern.
Con la cabinovia, gli ospiti con mobilità limitata possono raggiungere senza barriere architettoniche la "Schwarzseespitze e il "percorso di Toni".
Il parcheggio alla stazione a valle offre 3 parcheggi in immediata vicinanza all'entrata della funivia riservati a portatori di handicap. Con il contrassegno di parcheggio dell'UE per disabili si parcheggia gratis.
La cima panoramica del Corno del Renon, a quota 2.260 m, può essere raggiunta solo a piedi.
Si può raggiungere l'Alto Adige in treno da nord e da sud attraverso la linea ferroviaria del Brennero. Tutti i treni internazionali a lunga percorrenza e regionali si fermano alla stazione principale di Bolzano. La funivia per il Renon si raggiunge in pochi passi della stazione delle ferrovie di Bolzano. Grazie a collegamenti semplici e a una rete di trasporti pubblici ben funzionante, la mobilità sul Renon è possibile anche senza la propria macchina.
Vacanze senza auto: sul Renon la propria auto diventa superflua e ci si può comunque godere il mondo della montagna in modo rilassato e spensierato.
I cani hanno bisogno di una museruola e di un biglietto. Solo cani di piccola taglia sono esenti dall'obbligo della museruola e del biglietto.
Biglietto per il cane € 2,00
Sì, da Barbiano (via S. Ingenuino) a Longostagno/Renon transita da metà maggio a inizio novembre un pulmino (linea 348).
Il minibus collega due volte al giorno Barbiano con Longostagno (10.15h e 16.15h) e da Longostagno a Barbiano (10.35h e 16.35h).
Per i gruppi è necessario prenotare il giorno prima: Tel. +39 339 5050747
Cambio a Longostagno!
Da Longostagno, l'autobus n. 165 collega Collalbo (frequenza ogni mezz'ora) e a Collalbo si cambia nell'autobus n. 166 per Pemmern / stazione a valle cabinovia.
Sì, camper e autobus possono parcheggiare nel parcheggio centrale presso la stazione a valle a "Pemmern". Tariffa: € 3,60 all'ora e € 15 per il biglietto giornaliero.
Stazione di ricarica E-Bike:
Collalbo, in centro via paese 5, presso la Raika Ritten
Corno del Renon, presso la baita Feltuner
Collalbo, Ritten Arena*
Auna di Sotto, Weber im Moos, presso la falegnameria Prast*
Longostagno, paese*
Auna di Sopra, paese*
Soprabolzano, stazione della funivia, con AltoAdige Pass
* = solo con proprio caricabatterie
Se nonostante il ritmo di partenza di 30 min. l'autobus di linea risulterà completo, cerchiamo di organizzare un autobus aggiuntivo nelle ore di punta. In orari con intervalli di un quarto d'ora, vi chiediamo di aspettare l'autobus successivo.
Parcheggio gratuito per utenti della funivia.
Il parcheggio costa € 1,80 all'ora e il biglietto giornaliero costa € 7,00 per auto e moto.
La quota per autobus e camper è di € 3,60 all'ora e € 15,00 per il biglietto giornaliero.
Donne che hanno subito violenza fisica, psichica, economica, sessuale o che vengono minacciate nelle loro famiglie e relazioni intime, hanno il diritto di chiedere rifugio nella casa alloggi protetti. Possono essere accolte fino a sette donne maggiorenni con i loro figli, indipendentemente dal loro orientamento religioso, politico o etnico. Il servizio è multizonale, per questo motivo possono essere accolte donne di tutta la provincia di Bolzano, se sono in possesso di un permesso di soggiorno valido.